SIMEONE ORAZIO CAPPARELLI 

Nacque in Acquaformosa il 30 aprile 1852 da Gennaro e Marcherita Vaccaro. Non portato per gli studi, pur non mancandogli l'intelligenza, abbandon la scuola dopo aver conseguito la III elementare. La mancanza di una cultura adeguata non gli permetter di lasciare per iscritto la sua produzione poetica per cui gran parte andr persa. Grazie ai nostri nonni e ai nostri genitori, che hanno tramandato oralmente le sue poesie, anche se spesso in versioni diverse, possiamo ora presentarvene qualcuna.

Dhn Oraxi, dopo il servizio militare, si trasfer a Lungro, in localit Llafkandin, per sovrintendere alla gestione di alcuni  terreni di propriet del padre.  Qui modificher le sue idee politiche abbracciando, forse sotto l'influenza dello Stratig, l'ideale  socialista.

Passer gran parte della sua vita in campagna che abbandoner, poco prima della morte, per ritornare ad Acquaformosa. Nonostante gravemente malato compose la sua ultima poesia, Vresht e bukur lam e t l, che non altro che l'addio alla campagna che aveva tanto amato. Infatti pochi giorni dopo, il 19 febbraio del 1930, cesser di vivere.

Una raccolta di poesie del Capparelli stata pubblicata nel 1987 dal Prof.G.Battista Rennis. 

Da "Simeone Orazio Capparelli" di Giovanbattista Rennis

FLAMURI I KUQ DRITSO KIT JET

BANDIERA ROSSA ILLUMINA QUESTA TERRA

 

Fjamur i kuq drits kit jet
mos bi t rrier m se sa mbet
M se sa mbet ng ka si rri
nj te ket shum, nj t rrier pa shpi
Nj t rrier m diell mbi nj'i guri
xathur xhshur vdkur uri
Fjamur i kuq drits kit jet
mos bi t rrier m se sa mbet
Gjisht ju pjot llunaza mbani
me djerst e tjerve ju do t hani!
At kuror ket jan
ng'imbain m at 'i kan
Kem t'i marrmi t'ja makarmi
nn kmb kem t 'ja ambarmi

Nan ng thrret m kanuni
ka t thrres capuli e pikuni
Mbiedhmi gjith kto hekuri
kem t 'i bmi gjith upri
Upri na japiin buk e ver
jo t vrasjin m krishter
Pir kta fmil jan e rriten
m ndir luftat t ven t vriten
Aq kem bmi shum udhri
kush do ver sa vien e pi!

Illumina questa terra, bandiera rossa
non rimanga come prima, dalle una scossa!
Come prima non deve pi rimanere
uno godere tutto e un altro neanche una casa
Un altro ancora sotto il sole stare
scalzo, nudo a morire di fame
Illumina questa terra, bandiera rossa  
non rimanga come prima, dalle una scossa!
Quanti anelli per le dita voi comprate
con i sudori degli altri voi mangiate!
Quelle corone dove ora stanno
non le terranno pi quelli che in testa le hanno
Le prenderemo per poi a pezzi farle
sotto i piedi dobbiamo calpestarle

Non pi i cannoni tuoneranno
la zappa e il piccone da oggi in poi grideranno
Tutti questi ferri raccoglieremo 
in strumenti di lavoro li trasformeremo
Strumenti che pane e vino ci possono dare
non pi persone da ammazzare
Per questi figli che crescer dovranno
in guerra pi non moriranno
Quante viti dovremo curare
chi vorr vino da noi verr a passare!

 

VRESHT E BUKUR JAM E T L

VIGNA BELLA TI STO PER LASCIARE


Vresht e bukur jam e t l
Krishti e di ndi t pafsha m
Rrini mir vashaz rrini mir gr
vandera m 'u shquar drapri m 'u nd
Nan dolla dreq pir krie
njetir uqt kam tit shtie
Aq it rrita me amur
t rrita dreq si nj kriatur.
Se t pinja nj qelq ver
pa tit nxitonja di o tri her
Nan t l se r nata
kam ve t rri ket ish tata
Nan t thom rri mir e me shndt
ka Ungra ik se Firmoza m pret!


Vigna bella ti sto per lasciare
Cristo solo sa se ti potr pi guardare
Statemi bene fanciulle, donne statemi bene
il grembiule si consumato la falce pi non tiene
Ora che sono arrivato fin quass
un altro sguardo getto gi
Ti ho curata con tanto ardore
cresciuta con vero amore
Per bere un bicchiere ho dovuto
curarti due o tre volte come ho potuto
La notte scesa, ora ti lascer
nella casa di mio padre a vivere andr
Stammi bene, stammi forte
da Lungro me ne vado, Acquaformosa mi apre le sue porte

 

OJ E BUHURA DALLANDISHE

RONDINELLA BELLA ASSAI

 

Oj e bukur dallandishe ,
t kam vet tij e fare ndrishe
Ndi kit zmir ndi kit gji
vetim ti ktu mbrenda rri
Si m' e hape e ng deshe qie
zemrin t'ime me at rrie
Lum ajo mm i t rriti
rriet tnde degaz apiti
Lesht t bukur durrudhjar
i t shkilqen duket ar
Kur i shpjeksin i shtie ndir mushqet
ka shkon ti pirgzonen dushqet

Moti shkon vete si lumi

dufemi mir par t na zr gjumi!

Rondinella bella assai
ho solo te e nulla ormai
In questo petto in questo cuore
ho solo te qui dentro, amore
Come hai fatto senza chiavi ad aprirlo
coi tuoi ricci e talmente ferirlo?
Beata quella donna che crescerti ha potuto
i ricci come rami di abete hai avuto
Splendenti e folti i tuoi capelli
sembran d'oro tanto son belli!
Quando li sciogli sulle spalle e scendon gi
i boschi si rallegran ovunque passi tu

Passa il tempo, come il fiume scende poi

amiamoci prima che il sonno giunga fino a noi.

 

BUTJA IME TRADITURE

BOTTE MIA PERCHE' MI HAI INGANNATO

 

Butja ime traditure
thuam verin ku e vure?
U ng'e vura mosgjikn
se jam ngult ket ki spikn!
Erdh nj grua me nj guanjun
kish nj vuc me nj garrafn
Njeri mbjonej jetra karrjarnej
minu i lidh aq i burrarnej!
Butja ime thuam kush qe
se ng dua t marr nj t benur e r.
Mos ti m be fare graxjuzin
se pir mot mot kam shinj buzin
Mos tem'e thofshe kush
te le vaknd e ng'i t mbjonj m!

Botte mia perch m'hai ingannato
il mio vino dove l'hai portato?
Non l'ho messo da nessuna parte
chiusa in quest'angolo me ne sto in disparte
Una donna e un ragazzo sono arrivati
di un barile e un bottiglione erano armati
Uno riempiva l'altra via li portava
nemmeno li legava tanto di corsa li trascinava
Botte mia, chi stato, dillo a me
non voglio prendere una nuova per me
Tu con me non devi scherzare
per un anno il vino io non lo devo assaggiare
Se chi stato non mi dirai tu
ti lascer vuota e non ti riempio pi!